PESTE SUINA AFRICANA: FEDERCACCIA PRONTA AD INTERVENIRE

Ormai da tempo la Federcaccia attraverso i propri media (sito e rivista “Il Cacciatore Italiano” per primi) e le comunicazioni alla propria struttura territoriale ha iniziato, anche in stretta collaborazione con il Ministero della Salute, a fare una corretta informazione sulla Peste Suina Africana in modo da fornire ai propri tesserati e ai cacciatori in genere indicazioni precise su una malattia che, pur innocua per l’uomo, ha ripercussioni pesantissime sia sui selvatici che sugli allevamenti a scopo alimentare di suini. Purtroppo i casi manifestatesi in queste ultime ore hanno sollevato allarme e attenzione sulla PSA e giusta voglia di maggiori informazioni. Purtroppo, come spesso accade, si assiste anche al proliferare di commenti e informazioni errate su questa malattia, le sue conseguenze e le necessarie contromisure. A chiunque volesse approfondire le proprie nozioni in materia, suggeriamo come prima cosa di consultare il materiale illustrativo ufficiale del Ministero, in grado di sciogliere molti dubbi e fornire corrette indicazioni. Che cosa in particolare possono fare i cacciatori di fronte ai casi conclamati di peste suini accertati tra la Liguria e il Piemonte, lo spiega il presidente Federcaccia Massimo Buconi in un video.

Il messaggio del presidente Buconi – Video


La locandina contenente le principali informazioni sulla Peste Suina Africana indirizzate a precise categorie di utenti tra cui i cacciatori – Foto Ministero della Salute


 

Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.