PRESENTATO IL NUOVO BERETTA ULTRALEGGERO

È stato presentato ieri, durante un evento di lancio in linea, l’Ultraleggero Beretta, un sovrapposto che, grazie alle più moderne tecniche di ingegnerizzazione coniugate con la grande esperienza dell’azienda Gardonese, pesa appena 2,8 Kg (con canna da 61 cm), purtroppo nel contempo tutta la solidità ed affidabilità della bascula in acciaio. Un peso estremamente contenuto, che fino a ieri si otteneva solo con i fucili in alluminio. Il risultato è stato ottenuto “scheletrando” la bascula, riducendola così ai soli elementi strutturali fondamentali per la solidità e la performance dell’arma.

Nella bascula, attraverso test e studi approfonditi è stata mantenuta solo la quantità di metallo realmente necessaria per garantire l’affidabilità e la resistenza Beretta alle esplosioni ripetute di qualsiasi tipo di cartuccia, anche magnum. Per le aree scavate della bascula sono stati realizzati speciali inserti in tecnopolimero, il cui design reinterpreta il gusto di un’incisione ottenuta grazie a una modernissima tecnologia che crea sulla superficie speciali angoli in grado di simulare l’effetto “Ultraleggero”, che appaiono e scompaiono ruotando la bascula alla luce.

Sempre per ridurre il peso dell’Ultraleggero sono stati inseriti alcuni componenti in alluminio, tra i quali il sottoguardia e il sistema di croce; sono stati inoltre eliminati i bindellini laterali. Il risparmio di peso complessivo, rispetto alla classica serie 690, è di circa 404 grammi.

Anche il calciolo Extralight®, che offre comfort e stabilità al momento dell’imbracciata, con un eccellente assorbimento del rinculo, è più leggero del 30% rispetto ad un calciolo standard ed è molto più resistente all’abrasione, all’invecchiamento e agli agenti atmosferici, grazie alla sua struttura a celle chiuse che evita l’assorbimento dei liquidi.

Sempre nell’ottica della riduzione di peso la cavità all’interno del calcio – disponibile con piega 35/55 (anche per mancini) o in version Vittoria, con piega 35/45/55 – 129 grammi rispetto a un classico fucile da caccia Beretta. Il calcio una pistola e l’astina sono costruite con legni di noce selezionati in classe 2,5, con finitura ad olio che consente un semplice ripristino da graffi o danni. Calcio e astina sono finemente zigrinati per un miglior grip.

Il monogrillo ha il selettore posizionato all’interno del cursore della sicura che, con un semplice e veloce spostamento laterale, consente di selezionare la canna con cui esplodere il primo colpo. In aggiunta alla versione classica con monogrillo, è prevista anche una configurazione con la presenza del doppio monogrillo, che permette di selezionare lo spazio delle due canne del sovrapposto, senza però muovere più il dito dal grilletto: il primo grilletto spara prima di prima canna e poi di seconda, il secondo grilletto spara prima di seconda canna e poi di prima. Il kit per il montaggio del doppio monogrillo può comunque essere acquistato separatamente per tutti i fucili da caccia della piattaforma 680 e 690 ed essere montato da un armiere specializzato.

Gli estrattori, con lo stesso disegno e meccanismo di quelli montati sul 694, hanno molle poste dietro la slitta di estrazione e fermo a pasticca.

La croce è derivata dal nuovo sistema adottato sul 694, ma cambia il materiale: per contenere i pesi, è stata realizzata in alluminio. Con questa croce, si ha sempre un’ottima sensazione all’apertura dell’arma Anche il sistema di aggancio dell’astina è stato rivisto ed è costituito da un perno a pistone in posizione avanzata, separato dalla croce, con un pulsante che si autoregola nel tempo.

L’Ultraleggero utilizza le celebri canne Steelium Optima Bore HP, in acciaio trilegato Beretta, disponibili nelle lunghezze 61 cm, 66 cm, 71 cm e 76 cm, e caratterizzate da foratura profonda, martellatura a freddo e distensione sottovuoto. La speciale geometria, con doppio cono di raccordo da 80 millimetri, punta offre prestazioni eccellenti e rosate sempre perfette e uniformi con qualsiasi tipo di munizione, ridotto al tempo stesso rinculo e impennamento.

La bindella superiore 6×6 piena ha un accurato zigrino antiriflesso e mirino sferico in acciaio, mentre i bindellini laterali sono stati eliminati, solo due distanziali: uno in volata e uno sotto l’astina.

L’Ultraleggero prevede l’uso di strozzatori Optima-Choke HP interni di lunghezza 70 mm, perfetti anche con pallini d’acciaio, e può essere equipaggiato anche con lo strozzatore Paradox OCHP (disponibile aftermarket, disponibile in versione interna o in versione prolungata da 20mm), uno strozzatore con raggiatura negli ultimi 50 mm, che consente rosate più ampie sulle brevi distanze, comunque una buona densità e uniformità dei pallini.

La dotazione dell’Ultraleggero comprende: valigetta in ABS; set di 5 strozzatori con chiave; olio di lubrificazione; card per accesso al manuale d’uso online.

Condividi l'articolo su: