ASSEMBLEA PUBBLICA FIDC UCT, I TEMI ALL’ORDINE DEL GIORNO

La scorsa settimana a Casalguidi (Pt) ha avuto luogo, con “la regia” della Federcaccia Provinciale di Pistoia, l’annuale Assemblea pubblica che ha visto la partecipazione del presidente provinciale di FIDC UCT, Franco Biagini,e di quello regionale, Marco Salvadori. Nel corso della serata si sono portate all’attenzione del pubblico le novità riguardanti l’ambito venatorio: come l’approvazione del calendario venatorio regionale che subirà correzioni dovute ad alcune imprecisioni per essere poi di nuovo – e in forma definitiva – ratificato dalla Giunta Regionale. E ancora, “il notevole lavoro di confronto e proposta della nostra Associazione – si legge nell’apposita nota stampa – sulla bozza del prossimo Piano Faunistico Venatorio Regionale. Ripercorrendo nella sua analisi tutti gli appuntamenti promossi da Federcaccia Toscana UCT negli ultimi mesi, per incentivare l’apertura della fase di discussione sul nuovo strumento programmatico, a partire dal convegno del 15 aprile scorso organizzato in collaborazione con la Regione Toscana”. Al termine dell’incontro i riflettori sono stati puntati sul tema degli anelli e dei richiami vivi: si tratta di una battaglia da tempo ingaggiata (è iniziata infatti nel 2020) con il supporto dell’Anuu Migratoristi Toscana, che ha impegnato e continua ad impegnare i dirigenti di entrambe le Associazioni, con confronti quotidiani avviati con i rappresentanti istituzionali sia locali che regionali. In tale contesto, sono lusinghieri gli esempi positivi della Lombardia e della Liguria che, negli ultimi anni, hanno “con provvedimenti appositi, hanno provveduto a normare adeguatamente situazioni analoghe a quella Toscana e che quindi fanno ben sperare in una rapida e positiva risoluzione della questione anche per la nostra Regione”.


A presenziare l’Assemblea pubblica i presidenti provinciale di FIDC UCT Franco Biagini e regionale Marco Salvadori – Foto FIDC UCT


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.